Tirano – il Santuario

Tirano, città storica e turistica al centro della Valtellina, sul confine con la Svizzera è conosciuta per essere la città sede della stazione di partenza del Bernina Express ma il suo nome risulta essere famoso anche per la presenza di un Santuario.

Il Santuario di Tirano fu costruito proprio nel punto in cui, il 29 settembre 1504, la Vergine Maria apparve a beato Mario Homodei, salutandolo con le parole: “Bene avrai” e chiedendo espressamente la costruzione di un tempio in suo onore con la promessa di salute spirituale e corporale a chi l’avesse invocata. Dato l’immediato consenso creatosi, undici giorni dopo l’evento, l’allora vicario del vescovo di Como autorizzò la costruzione la costruzione di una basilicam seu ecclesiam in onore della Vergine.

Neppure sei mesi dopo l’apparizione, esattamente il 25 marzo 1505, fu posta la prima pietra. I pellegrini fin da subito vi si recarono, tanto che la chiesa fu officiata, anche se incompleta. Nel corso degli anni e dei secoli successivi fu completata grazie al lavoro di numerosi maestri d’arte.

La facciata in stile rinascimentale, imponente e armoniosa, è sovrastata dall’alto e maestoso campanile in stile lombardo e dalla cupola, perfetta con le sue nervature terminanti in leziosi riccioli di sapore veneziano e coronata dalla lanterna, sulla cui sommità svetta san Michele nelle vesti di guerriero.
Il portone ligneo, pregevole opera d’intaglio, permette di entrare all’interno della Chiesa con pianta a croce
latina dalla quale si levano il coro con l’abside e, su robusti pilastri, le tre navate, divise in altrettante campate dalle volte a crociera, l’ultima delle quali alta a formare il transetto, al cui centro si apre la cupola.

[nggallery id=4]

L’altare maggiore e numerosi dipinti impreziosiscono l’interno ma il centro del Santuario rimane la cappella dell’Apparizione, sorta nel luogo dove la Madonna apparve.
Abbellita dalla statua lignea policroma e dorata della Madonna e dall’Altare dell’Apparizione in lucido marmo di vario colore, la Cappella conserva il vano dietro l’altare, chiamato scurolo: un angolo ppartato dove la scritta ‘Ubi steterunt pedes Mariae’: la scritta ‘dove si posarono i piedi di Maria’ indica il luogo esatto dell’Apparizione.

 Il Santuario di Tirano è oggi, come nel passato, meta di numerosi pellegrinaggi, perfetti anche in giornata per chi parte da Milano.

 

The following two tabs change content below.

saramagellano

Comments are closed.

x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.