Saint Moritz

LE FERMATE

Saint Moritz

Saint Moritz è situata in val Engadina, nel Cantone dei Grigioni, sulle sponde dell’omonimo lago, è una delle più caratteristiche mete del turismo europeo.

St. Moritz è la più bella destinazione alpina del mondo. Il suo nome è protetto come marchio di qualità ed è sinonimo internazionale di stile, eleganza e glamour. Ma non è solo una semplice destinazione turistica: a St. Moritz sono nati il turismo invernale alpino datato nel 1864 ha accolto due Olimpiadi d’inverno e numerosi Campionati mondiali di sci e di bob. Oggi St. Moritz è una meta turistica che accoglie tantissimi visitatori da tutto il mondo e offre qualsiasi tipo di comfort anche per quanto riguarda hotel e rifugi.

In origine St. Moritz deve il proprio prestigio alle sorgenti benefiche, conosciute da più di 3ooo anni, che ne hanno fatto ben presto un area climatica estiva. Oggi  St. Moritz è al primo posto tra le scelte di vacanze in montagna. La stagione estiva è forse un po’ meno festaiola, ma seduce persino più visitatori dell’inverno.
La storia di St. Moritz è avvolta di primati svizzeri e non solo sul fronte turistico: fu la prima città svizzera a costruire un impianto di luce elettrica; la prima a far uso dei telefoni; la prima a veder sfilare un tram e a tirar su dal nulla un albergo di  classe; la prima a ospitare un campionato europeo di pattinaggio su ghiaccio ed a organizzare favolose corse di cavalli e levrieri su campi innevati, campionati di golf, cricket e polo e tanto altro ancora.

Storia

Un incisione, situata nel museo del Kulm Hotel, dimostra che la zona fu abitata gia dall’uomo preistorico. Anche i Celti passarono di qua, infatti furono ritrovate spade e aghi risalenti all’età del bronzo.

Però le prime testimonianze scritte risalgono al 1137,  quando St. Moritz veniva chiamata ancora San Maurizio, un copto ortodosso proclamanto santo per essersi rifiutato di perseguitare i cristiani, finendo lapidato assieme ai suoi soldati.

Intanto la zona, conosciuta dai tempi dei Romani per le sue virtù terapeutiche delle acque termali, divenne meta di numerosi pellegrini che raggiungevano la famosa “Chiesa delle sorgenti” nella speranza di guarigione; tanto che nel 1519, il papa Leone X promise l’assoluzione piena a chiunque andasse in pellegrinaggio in questa  chiesa.

Anche se visitata già da tempo, le origini di questa località turistica si stabiliscono solo nel 1864, quando un pioniere della ricettività alberghiera a Saint Moritz,quando Johannes Badrutt, fece una scommessa con 4 ospiti provenienti dall’Inghilterra: se fossero tornati nel periodo invernale e non avessero trovato il posto di loro gradimento, avrebbe pagato loro tutto il viaggio di andata e ritorno da Londra ma se invece si fossero trovati bene, avrebbero potuto fermarsi tutto il tempo che loro desideravano.
Fino ad allora la località era frequentata nei periodi estivi per il suo clima frizzante e la buona salubrità dell’aria, adatti anche contro la tubercolosi, per l’atmosfera romantica del paesaggio e per le sue benfiche acque termali; ma con l’arrivo dei turisti anche nel periodo invernale St. Moritz divenne una meta glamour e cosmopolita.

Quel momento non ha segnato solamente l’inizio del turismo invernale di St. Moritz ma anche l’inizio del turismo invernale in tutto l’arco alpino. Dato questo successo dell’iniziativa, fu proprio a Saint Moritz ad essere fondato il primo ufficio turistico svizzero. Grazie a questi cambiamenti St. Moritz si sviluppò velocemente, tanto che anni dopo, nel 1878, fu installata la prima luce elettrica della Svizzera. Nel corso degli anni ci sono stati vari campionati che si sono svolti nella città. Attualmente la città è riconosciuta anche con il nome del suo marchio registrato da parte dell’ufficio del turismo nel 1987.

Da visitare

Saint Moritz-Dorf:
E’ la parte chic della città, in ogni angolo della parte alta di St. Moritz  ci sono incastonati alberghi lussuosi, negozi locali e quelli più glamour. L’eleganza della piazza, la storica chiesa e il municipio, sono tutti pronti da essere visti e visitati. Da non perdere anche i suoi due musei  specialmente dedicati al pittore Segantini

Saint Moritz-Bad:
Ottimale per le persone in cerca di benessere. La parte “bassa” infatti è conosciuta soprattutto per delle sue benefiche terme.

Fontana di S. Maurizio:

Di fronte al comune (Rasthaus), questa fontana fu creata nel 1910 dallo scultore W. Schwerzmann in onore del legionario Maurizio, protettore della città.

Torre campanaria pendente:
Sembra quasi una lontana parente della Torre di Pisa,  anche se molto piu’ piccola, ma con una pendenza molto notevole se confrontata con gli edifici vicini. La chiesa che sorgeva accanto ha dovuto essere demolita perché il campanile, con la sua forte pendenza, ne comprometteva seriamente la stabilità.

Corridore del Cresta Run:
Una bellissima scultura in bronzo posta davanti alla torre pendente di San Maurizio rappresenta  in grandezza reale un corridore di skeleton. Un’opera magnifica di David Wyne, ed omaggio di St. Moritz per il centenario del 1985.

Info Utili

Generalmente i negozi aprono dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 18:30 (al sabato  fino alle 16:30). La domenica e nei giorni festivi solo pochi  negozi restano aperti. La moneta è il Franco Svizzero e San Moritz non è sicuramente una meta ideale per chi è alla ricerca di una località economica per trascorre le proprie vacanze. La lingua parlata è il tedesco e invece quella storica è il romanico.Per fattori turistici è diffuso l’uso dell’inglese, del francese e dell’italiano.